Storia e Origini della Tecnica Craniosacrale

Andrew Taylor Still, medico americano (1828 – 1917), all’inizio del diciannovesimo secolo ideò l’osteopatia. Egli sviluppò un nuovo sistema medico, chiamato osteopatia, in contrasto con la medicina dell’epoca che utilizzava le prescrizioni di farmaci, salassi e altri metodi terapeutici.

Nel 1874, A.T. Still rese pubblico per la prima volta i suoi fondamenti filosofici e pratici dell’osteopatia. Da allora l’osteopatia si diffuse gradatamente nel mondo e in Europa grazie a J. M. Littlejohn, attraverso la fondazione della prima scuola europea di osteopatia, la British School of Osteopathy nel 1917 e dopo qualche anno nel 1957, fu fondata l’ École Française d’Osteopathie, che fu successivamente trasformata nel 1960 nella European School of Osteopathy e trasferita in Inghilterra a Maidstone.

Bisogna aspettare ancora gli anni Ottanta, per far sì che l’osteopatia acquisti sempre maggior diffusione attraverso l’istituzione di varie scuole con la definizione di formazioni professionali e aggiornamento.

 

WG Sutherland

       William Gardner Sutherland

 

Se Still creò un nuovo sistema di cura, bisogna aspettare gli anni Trenta, quando un certo William Gardner Sutherland (1873 – 1954) osteopata e allievo di Still, pose le basi di quello che ora chiamiamo craniosacrale.

Ancora studente di osteopatia, il suo interesse e attenzione andò all’osservazione di un cranio disarticolato e, in particolare, alle suture craniche dell’osso temporale. Queste suture, secondo le sue intuizioni, potevano ricordare le branchie di un pesce e, come tali, potevano essere mobili e rappresentare un meccanismo respiratorio.

La sua intuizione iniziale si scontrò con i libri di anatomia e fisiologia dell’epoca (ma lo è ancora), dove veniva riportato che le suture craniche si ossificano nell’adulto e vanno a formare un cranio immobile e statico.

In seguito a questa prima intuizione, mise in atto una serie di sperimentazioni e studi che lo tennero impegnato negli anni successivi fino a giungere alla conclusione che le ossa craniche facevano parte di un sistema che manifestava dei movimenti sottili e ritmici, movimenti indipendenti da altri ritmi corporei come il ritmo respiratorio e cardiaco.

Approfondendo lo studio e l’ascolto in questa direzione, negli anni successivi arrivò a ricondurre l’origine di questo movimento a diverse componenti come la motilità del cervello, del sistema membranoso intracranico, fluttuazioni del liquido encefalo rachidiano, mobilità delle ossa craniche e delle ossa craniche.

Per oltre vent’anni W.G. Sutherland studiò, attraverso le sue “dita”, i delicati movimenti ritmici dei suoi pazienti ed elaborò nel tempo diverse tecniche corporee di intervento su questo sistema, fino a rendere pubblici i suoi risultati. L’osteopatia craniale o cranio-sacrale si stava definendo.

Nel 1939 pubblicò il libro The Cranial Bowl in cui illustrò le basi dei suoi studi e i presupposti dell’osteopatia cranica. Le reazioni di incomprensione, opposizione e di scherno non si fecero aspettare e dovette aspettare ancora qualche anno, nel 1946 a Denver, per osservare un’apertura nei suoi studi, grazie ad altri osteopati come Harold Ives Magoun (1898 – 1981), Viola Frymann, Rollin E. Becker, Thomas Schooley e Denis Brookes.

Da quel momento, diffondendosi il concetto craniale, una grande quantità di pubblicazioni e ricerche in questa branca, ha fatto emergere un numero crescente di osteopati che hanno portato avanti le scoperte di W. G. Sutherland.

In seguito, un altro osteopata americano, John Upledger, nel 1976, propose un nuovo modello, definito “pressostatico”, proponendo delle basi “scientifiche” al sistema e arrivando poi alla sperimentazione di vari modelli, come le “cisti energetiche, “unwinding” e SER (Somato-Emotional Release).

I lavori di Sutherland, come un autentico ricercatore, continuarono per tutta la sua vita, e negli ultimi anni diresse il suo interesse verso la percezione al movimento dei tessuti neuronali, la circolazione fluida del liquor e dello sviluppo embriologico e definire la “Potenza” come energia vitale che poteva guarire l’organismo al suo interno, forza di autoregolazione del corpo attraverso i meccanismi omeostatici del corpo.

Le sue scoperte erano trascendenti e non sono state portate avanti da quelle scuole più “meccanicistiche”.

Dalla morte di Sutherland, nel 1954, la diffusione, la divulgazione e la ricerca dei suoi ultimi studi, il “modello fluido”, sono stati portati avanti da osteopati come R. Becker e J. Jealous e Franklyn Sills.

Mailling List

Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Questo sito utilizza cookie per darti una migliore esperienza di navigazione. La seguente pagina fornisce informazioni sui cosa sono i cookie, quali cookie utilizza e le modalità per disattivarli.

1.COSA SONO I COOKIES
Alcune delle caratteristiche di questo sito web si basano su l'utilizzo dei cookie.
Un cookie è un piccolo file di lettere e numeri che ci permette di distinguerti dagli altri utenti del sito e di avere informazioni sulla tua esperienza di navigazione, aiutandoci nel continuo miglioramento del nostro sito. I cookies sono stati progettati per aiutare il tuo computer o il dispositivo a ricordare le azioni fatte in precedenza, come ricordare il tuo login o memorizzare le pagine che hai guardato.

2. COME DISATTIVARE I COOKIES
È possibile in qualsiasi momento modificare le impostazioni del proprio browser in modo da disattivare i cookies che non si vogliono fornire. La procedura è semplice e varia a seconda del browser che si utilizza. Attenzione, il blocco di certi cookies potrebbe causare malfunzionamenti durante la navigazione sul sito. Qui sotto trovi per disattivare i cookies sui principali browser:

Disattivare i cookies su Mozilla Firefox
Disattivare i cookies su Internet Explorer
Disattivare i cookies su Google Chrome
Disattivare i cookies su Apple Safari

3.QUALI TIPOLOGIE DI COOKIES IN QUESTO SITO
Esistono due macro categorie di cookies:
Cookies di prima parte: sono quei cookies che il sito installa sul pc o sul dispositivo dell’utente
Cookies di terza parte: sono quei cookies che vengono installati sul pc o sul dispositivo dell’utente da un dominio o un sito web che non è gestito da noi, ma da un nostro partner.

3.1 Cookies tecnici
Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori.

  • Cookies di sessione: sono cookies utilizzati dal  sito per memorizzare la tua sessione di navigazione. Questi cookies vengono cancellati una volta che chiudi il tuo browser.
  • Cookies persistenti: sono cookies che hanno una durata predefinita e rimangono anche quando esci dal tuo browser.

3.2 Cookies analitici
Questi cookies sono utilizzati per misurare il numero di utenti che visitano il nostro sito e per effettuare analisi statistiche sull’utilizzo che questi utenti fanno del nostro sito.

3.3 Cookies di terze parti

Google: Google offre una serie di prodotti per aiutarci ad amministrare i nostri annunci e siti web; tra cui AdSense, AdWords e Google Analytics. Visitando il nostro sito web alcuni cookie possono essere inviati al vostro browser. Questi cookies possono essere attivati per consentire l'uso in comune i servizi di Google per servire come misura di servizi e la comunicazione dei risultati.

Amazon: Vendita Online

Facebook:  Social

4.DATI RACCOLTI PER LE SEGUENTI FINALITA'
Contattare l'Utente
Mailing List o Newsletter
Dati Personali: Nome, Email
Statistica
Google Analytics e Adwords
Dati Personali: Cookie e Dati di Utilizzo
Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di Utilizzo
 
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento nella navigazione del sito.